E’ il Premio Tiepolo 2021

La C.C.I.S E LA CEOE: un italiano e uno spagnolo

La Camera di Commercio e Industria Italiana per la Spagna (CCIS) e la Confederación Española de Organizaciones Empresariales (CEOE) hanno organizzato la cerimonia di consegna di questo riconoscimento che viene concesso a imprenditori italiani e spagnoli di successo.

La cerimonia di premiazione si è svolta a Madrid, presso la sede dell’Ambasciata d’Italia, alla presenza dell’Ambasciatore, Riccardo Guariglia, della Terza Vicepresidente del Governo spagnolo e Ministra per la Transizione Ecologica e la Sfida Demografica, Teresa Ribera, del Sindaco di Madrid, José Luis Martínez-Almeida, e dei Presidenti della CCIS, Marco Pizzi e della CEOE, Antonio Garamendi.

Gli organizzatori del Premio hanno voluto riconoscere il percorso professionale dei due imprenditori, il loro contributo al consolidamento delle relazioni economiche e commerciali tra Spagna e Italia e il loro importante ruolo nella transizione energetica in entrambi i Paesi.

L’Ambasciatore Riccardo Guariglia: “Le relazioni economiche tra Italia e Spagna sono molto forti. La risposta che ci viene dalla collaborazione dei nostri rispettivi tessuti imprenditoriali ci lascia ben sperare: i dati provvisori riguardanti l’interscambio bilaterale nei primi 9 mesi di quest’anno non solo testimoniano una ripresa (+23%) rispetto all’analogo periodo 2020 – un effetto di “rimbalzo” statistico abbastanza scontato viste le condizioni eccezionalmente negative dovute alla pandemia nel 2020 – ma addirittura vedono un incremento di quasi il 3% rispetto a quanto raggiunto nel 2019, che, lo ricordo, è stato un anno record per gli scambi tra i due Paesi.”

Le parole di Francesco Starace, che non ha potuto essere presente alla cerimonia: “Il Gruppo Enel opera da tempo in entrambi i Paesi in modo integrato e con obiettivi e progetti comuni, promuovendo la decarbonizzazione attraverso le energie rinnovabili, l’uso efficiente dell’energia attraverso l’elettrificazione e reti elettriche moderne e resilienti”.

L’Amministratore Delegato e Direttore Generale di Enel è stato rappresentato dall’Amministratore Delegato di Endesa, José Bogas, che ha avuto l’incarico di ritirare il premio in sua vece e ha letto alcune parole di ringraziamento da parte del premiato.

José Manuel Entrecanales: “Ho l’onore di presiedere un’azienda focalizzata, da quasi un secolo, su infrastrutture e servizi orientati allo sviluppo economico, all’equilibrio ambientale e al progresso sociale delle comunità per cui lavoriamo”.

Francesco Starace, Amministratore Delegato e Direttore Generale di Enel e José Manuel Entrecanales, Presidente esecutivo di Acciona, hanno ricevuto ieri sera il Premio Tiepolo 2021, un premio che, dal 1996, riconosce il percorso di imprenditori di successo spagnoli e italiani e il loro importante contributo al potenziamento delle relazioni economiche e commerciali tra i due Paesi. La cerimonia di consegna di questo prestigioso riconoscimento, conferito dalla Camera di Commercio e Industria Italiana per la Spagna (CCIS) e dalla Confederación Española de las Organizaciones Empresariales (CEOE), sotto gli auspici dell’Ambasciata d’Italia in Spagna, si è svolta a Madrid, lo scorso 13 dicembre, presso il Palazzo di Amboage, sede della rappresentanza diplomatica della Repubblica Italiana, alla presenza di numerosi rappresentanti istituzionali e del mondo economico e imprenditoriale dei due Paesi. In particolare. all’evento hanno partecipato l’Ambasciatore d’Italia in Spagna, Riccardo Guariglia, la Terza Vicepresidente del Governo spagnolo e Ministra per la Transizione Ecologica e la Sfida Demografica, Teresa Ribera, il Sindaco di Madrid, José Luis Martínez-Almeida, e i Presidenti della CCIS, Marco Pizzi, e della CEOE, Antonio Garamendi. La giornalista e conduttrice televisiva, Leticia Iglesias, ha dato inizio alla XXIV edizione, ricordando la traiettoria di successo dei due premiati, la vocazione internazionale delle aziende che guidano il loro contributo nel consolidamento delle relazioni economiche tra Spagna e Italia e il loro importante ruolo nella transizione energetica in entrambi i Paesi. Francesco Starace, promotore del consolidamento internazionale di Enel e del suo fermo impegno nelle energie rinnovabili. Francesco Starace (Roma, 1955) è dal 2014 Amministratore Delegato e Direttore Generale del Gruppo Enel, la più grande utility integrata d’Europa. Enel opera in più di 30 paesi nel mondo, con una capacità installata di oltre 50 GW di rinnovabili, 75 milioni di utenti finali connessi alle sue reti, essendo l’azienda con la più grande base di clienti retail, circa 70 milioni, con 245 mila punti di ricarica per veicoli elettrici e leader mondiale in demand response, con una capacità di circa 8 GW. Starace, che non ha potuto essere presente alla cerimonia, è stato rappresentato dall’Amministratore Delegato di Endesa, José Bogas, che ha avuto l’incarico di ritirare il premio in sua vece e ha letto alcune parole di ringraziamento da parte del premiato: “È un onore ricevere questo premio, che sottolinea l’integrazione e lo sviluppo delle relazioni economiche e commerciali tra Italia e Spagna. Due Paesi che sono partner strategici in diversi ambiti, uno dei quali è la transizione ecologica. Il Gruppo Enel opera da tempo in entrambi i Paesi in modo integrato e con obiettivi e progetti comuni, promuovendo la decarbonizzazione attraverso le energie rinnovabili, l’uso efficiente dell’energia attraverso l’elettrificazione e reti elettriche moderne e resilienti. Gli investimenti previsti per i prossimi anni nei due Paesi rappresentano circa la metà del piano di investimenti del Gruppo Enel, e comprendono importanti progetti nell’ambito del Piano di Ripresa Europeo, che consentirà a entrambi i Paesi di promuovere un’economia più moderna, competitiva e sostenibile, aiutando al contempo la crescita industriale e l’occupazione”. Da quando Francesco Starace ha assunto la gestione di Enel nel 2014, la società ha incrementato la propria crescita e gli investimenti in Spagna attraverso Endesa. Endesa impiega attualmente circa 9.600 persone, essendo il primo operatore di rete con 12,4 milioni di clienti in Spagna, il secondo operatore in termini di generazione, con 56,1 TWh di produzione e l’impresa con maggiore base clienti per la commercializzazione. José Manuel Entrecanales, artefice del processo di internazionalizzazione di Acciona e del suo sviluppo in Italia José Manuel Entrecanales Domecq (Madrid, 1963) è, dal 2004, Presidente esecutivo di Acciona, gruppo di aziende leader nelle energie rinnovabili e nelle soluzioni infrastrutturali sostenibili. È anche presidente di Acciona Energía, la divisione energetica del gruppo, quotata alla Borsa di Madrid dal luglio 2021, essendo il più grande operatore energetico mondiale con attività esclusiva nelle energie rinnovabili. Sotto la sua presidenza, Acciona si è affermata come azienda globale di infrastrutture, energia e servizi idrici, con presenza in più di 60 Paesi e con oltre 40.000 dipendenti. “Ho l’onore di presiedere un’azienda focalizzata, da quasi un secolo, su infrastrutture e servizi orientati allo sviluppo economico, all’equilibrio ambientale e al progresso sociale delle comunità per cui lavoriamo” ha affermato Entrecanales dopo aver ricevuto il premio. In Italia l’azienda, presente dal 2000, ha sedi a Milano e Roma e oltre 550 dipendenti. Attraverso la sua divisione Infrastrutture, fornisce servizi idrici a oltre 2,5 milioni di persone nel paese.in questi anni, l’azienda ha sviluppato circa 40 progetti in diverse regioni italiane, soprattutto nell’ambito delle infrastrutture e dei servizi idrici. Inoltre, Acciona Energía gestisce un totale di sei parchi eolici nel Paese, con una capacità installata combinata di 156 MW e di recente è entrata nel settore della mobilità elettrica condivisa, dove gestisce già 1.700 moto a Roma e 400 a Milano. “Questo premio non fa che riaffermare i nostri obiettivi e impegni nei confronti della società per la quale lavoriamo, in particolare quella italiana e spagnola”, ha sottolineato Enrecanales durante il suo intervento.

Premiati nelle precedenti edizioni

Nelle precedenti edizioni del Premio Tiepolo sono stati premiati: Marco Alverá (Snam), Antonio Llardén (Enagás), Antonio Hernández Callejas (Ebro Foods), Luigi Lana (Reale Group), Antonio Huertas (Mapfre), Urbano Cairo (RCS Mediagroup), Francisco Reynés (Abertis e Cellnex Telecom), Francesco Monti (Esprinet), Juan Rosell (CEOE), Alfredo Altavilla (FCA), il Re emerito Juan Carlos (edizione speciale del premio per la celebrazione del Centenario della CCIS), Juan Miguel Villar Mir (OHL), Pietro Salini (Salini Impregilo), Borja Prado (Endesa), Alberto Bombassei (Brembo), Antonio Vázquez (Iberia), Gilberto Benetton (Autogrill), Enrique Cerezo (Atlético de Madird), Massimo Moratti (Internazionale di Milano), César Alierta (Telefónica), Fulvio Conti (Enel), José Manuel Lara Bosch (Antena 3), Paolo Vasile (Tele 5), José Manuel Martínez (Grupo Mapfre), Antoine Bernheim (Generali), Jesús Salazar (Grupo SOS), Francesco Morelli (Istituto Europeo di Design), Rodrigo Rato (Fondo Monetario Internazionale), Mario Monti (Università Bocconi), Florentino Pérez (Real Madrid), Luca Cordero di Montezemolo (Ferrari), Alfonso Cortina (Repsol YPF), Vittorio Mincato (ENI), Gabriele Bugio (NH Hoteles), José Vilarasau (La Caixa), Pier Luigi Fabrizi (Monte dei Paschi di Siena), Marco Tronchetti Provera (Pirelli), Rodolfo Martín Villa (Endesa), Luciano Benetton (Edizione Holding), Luis Alberto Salazar-Simpson (Auna), Giovanni Agnelli (Fiat), José Ángel Sánchez Asiaín (Fundación BBVA), Luis Ángel Rojo (Banco de España), Antonio Fazio (Banca d’Italia), José María Cuevas (CEOE), Giorgio Fossa (Confindustria), Isidoro Álvarez (El Corte Inglés) e Cesare Romiti (Fiat).